ZUPPE DI PRIMAVERA

In inverno, lo sappiamo tutti, le zuppe sono una manna dal cielo. Fuori fa freddo, veniamo da un periodo in cui ci siamo concessi qualche peccato di gola di troppo, e desideriamo qualcosa che sia allo stesso tempo invitante e leggero: in questo caso, una bella zuppa fumante è proprio quello che fa per noi. Ma relegare questo piatto alle serate invernali sarebbe un errore. Le zuppe infatti ci aiutano ad assumere liquidi, sono ricche di vitamine e minerali, hanno un potere saziante elevato, utilissimo quando abbiamo voglia di abbuffarci ma sappiamo che non è proprio il caso; e soprattutto possiamo combinare al loro interno gli ingredienti più disparati, prediligendo quelli stagionali. Le nostre zuppe primaverili, insomma, possono essere del tutto diverse da quelle che abbiamo gustato a dicembre e gennaio, e ci daranno una mano a depurare il nostro organismo e a iniziare col piede giusto la lunga maratona che ci porterà alla prova costume.

 

Anche perché in primavera ci sono tante belle verdure di cui approfittare. I carciofi, per esempio: stimolano la secrezione biliare e la diuresi, eliminano le tossine e soprattutto sono buonissimi. La minestra di carciofi, che può essere preparata con o senza patate, non può mancare nella nostra dieta primaverile. Un’altra prelibatezza che ci regalano gli orti in questo periodo è costituita dagli asparagi: sono ricchi di foliati, regolano i livelli di omocisteina e grazie al triptofano al loro interno ci permettono di rilassarci e dormire più facilmente. E poi, la vellutata di asparagi è deliziosa: quasi incredibile che sia anche salutare! Sempre in tema di vellutate e verdure di stagione, quella agli spinaci è utilissima al nostro organismo: l’acido folico presente in questi ortaggi consente di combattere la stanchezza e favorisce la concentrazione, garantendoci quello sprint di cui l’organismo, dopo il lungo letargo invernale, potrebbe aver bisogno. Esistono poi una serie di verdure reperibili tutto l’anno con cui si possono realizzare zuppe strepitose: il cavolo, la verza, le cipolle e i porri si prestano perfettamente a questo tipo di preparazione.

 

Non è necessario, naturalmente, limitarsi all’orto quando si parla di zuppe. Il brodo di pollo ad esempio è ottimo per mitigare gli effetti del raffreddore, e insaporire la nostra zuppa con un po’ di pesce (il merluzzo è perfetto) è un modo intelligente per inserire nella nostra dieta gli Omega-3 di cui necessitiamo. Le zuppe possono essere poi arricchite dalla frutta secca: una manciata di noci o nocciole nella vellutata ci riempirà di energia, proteine e fibre, e aggiungerà un tocco di croccantezza e creatività alla nostra ricetta. Insomma, con tutte queste alternative, non corriamo certo il rischio di propinare la solita zuppa!

 

Articolo scritto

da Carmen Zedda Nutrizionista e divulgatrice scientifica

www.dietanutrizionista.it