PISELLI: PERCHE’ NON POSSONO MANCARE NELLA NOSTRA DIETA

I piselli hanno un pessima reputazione: nonostante le loro numerose qualità, infatti, non sono elogiati come meriterebbero, e francamente non se ne capisce il motivo. Nonostante la loro dolcezza, e anche se di solito piacciono persino ai bambini che non sopportano le verdure, difficilmente li si trova fra gli alimenti in grado di equilibrare la nostra alimentazione e portare effetti benefici all’organismo. Grave errore: vediamo perché.

 

I piselli contengono pochi grassi e calorie, e sono quindi perfetti per chi è a dieta. Il loro apporto in fatto di fibre è decisamente buono, e così il contributo proteico, come vale del resto per tutti i legumi. Rispetto agli altri legumi, però, sono molto più digeribili: merito della buccia esterna più morbida di quella di fagioli, ceci e simili. Sono inoltre ricchi di fosforo, potassio, vitamina A, B1, C e PP, tengono a bada il colesterolo, proteggono il sistema immunitario e anche l’apparato cardiovascolare, grazie agli acidi grassi e agli Omega-3. La vitamina K al loro interno favorisce la produzione di osteocalcina, necessaria alla salute delle nostre ossa. L’acido folico dei piselli è prezioso in gravidanza per prevenire malformazioni del feto, e contenendo fitoestrogeni possono rivelarsi utili nel trattamento da sintomi di menopausa. Tra le poche controindicazioni legate al consumo di questi legumi, c’è l’alto contenuto di purine, che comporta un aumento del livello di acido urico nel sangue: chi ha la gotta o è iperuricemico farebbe meglio a moderare il consumo.

 

Descritte le virtù dei piselli, è ora di qualche consiglio per includerli nella nostra alimentazione in modo da massimizzarne gli effetti benefici. Una prima indicazione è cuocerli in poca acqua, diminuendo così i tempi di cottura ed evitando che le vitamine al loro interno, estremamente volatili, si disperdano. I baccelli solitamente non si mangiano, ma possono essere utilizzati per insaporire il minestrone, grazie ai sali minerali in essi contenuti. Per il resto, l’estrema versatilità di questi legumi li rende un jolly da giocarci in tantissimi piatti diversi. I piselli possono fungere da contorno per secondi classici come lo spezzatino, o essere l’ingrediente principale di minestre e vellutate. Si possono usare come condimenti per la pasta, nella realizzazione di torte salate o ancora per addolcire l’insalata. Sono tante le combinazioni sfiziose da poter seguire per preparare diversi pasti completi e leggeri. Con l’aggiunta finale della frutta secca come i pistacchi la pasta acquista una piacevole nota croccante, con i piselli, grana, fragole e nocciole possiamo inventare piatto unico gustoso, leggero da mangiare in tranquillità, con la certezza di non attaccare la nostra linea. L’importante è ricordarci di usarli: il nostro organismo ringrazierà.

 

Articolo scritto

da Carmen Zedda Nutrizionista

e divulgatrice scientifica

www.dietanutrizionista.it