Alimentazione e capacità visiva

L’IMPORTANZA DELLA BUONA NUTRIZIONE PER LA CAPACITÀ VISIVA

Una buona alimentazione influenza numerosi fattori tra cui la capacità visiva.

Per mantenere una buona vista è indispensabile mangiare bene ed avere uno stile di vita sano.

Carenze nutrizionali ed alimentazione sbagliata possono influenzare in maniera negativa la salute dei nostri occhi.

La dieta deve essere ricca di vitamine e sali minerali ed in particolare è molto importante introdurre vitamina E nelle giuste quantità. La vitamina E è una vitamina liposolubile in grado di ridurre il processo di opacizzazione del cristallino e il rischio di sviluppare cataratta grazie al suo potere di proteggere tutte le cellule dallo stress ossidativo.

La vitamina E si trova comunemente in cereali e frutta secca come mandorle e nocciole sgusciate. Le prime ne contengono 24 mg in 100 g e le seconde 14 mg in 100 g. L’elevato contenuto di sostanze ad azione antiossidante presenti in questi alimenti, oltre a garantire benefici a livello oculare, aiuta a proteggere tutte le cellule dallo stress ossidativo.

Anche introdurre il giusto apporto di vitamina A è fondamentale nella dieta per il mantenimento di una normale capacità visiva. La sua carenza infatti può comportare un deficit nella visione notturna, affaticamento degli occhi e ad un aumento della sensibilità degli occhi alla luce. Una sua forte carenza è però cosa poco probabile in quanto sulle nostre tavole abbondano alimenti che la contengono come carote, latte e uova.

La vitamina A (o retinolo) ha un’importanza fondamentale per la vista poiché, insieme ai suoi precursori (i carotenoidi), fa parte dei componenti della rodopsina, la sostanza presente sulla retina che dà all’occhio la sensibilità alla luce. Luteina e zeaxantina ad esempio, sono carotenoidi dalle proprietà antiossidanti e pigmenti costituenti del pigmento oculare. Impediscono alle radiazioni nocive, come i raggi ultravioletti, di danneggiare il tessuto della retina. La funzione antiossidante riduce il rischio di patologie correlate all’età, come la degenerazione maculare. 

Li possiamo trovare maggiormente nella verdura a foglie verdi scuro. Oltre alle vitamine però, anche un buon apporto di minerali sembra garantire una buona capacità visiva. Lo zinco infatti, sembra contribuire al mantenimento della capacità visiva normale così come anche gli antociani.

Oltre ad una buona dieta è importante seguire anche delle corrette abitudini di vita per far sì che la nostra vista non ne risenta.

Bisogna evitare la sedentarietà, proteggersi dai raggi UV e mantenere sotto controllo il peso corporeo.

Dott.ssa Mariagrazia Nicolí

BIBLIOGRAFIA:

– Aldo Mariani Costantini, Carlo Cannella, Giovanni Tomassi, Fondamenti di nutrizione umana, Il Pensiero Scientifico Editore

–Nutsforlife edizioni, Buccella Francesca