LE PROPRIETA’ DELLO ZENZERO

Chi associa lo zenzero solo ai dolcetti natalizi non sa cosa si perde. In realtà è un alimento versatile e virtuoso come pochi altri, di cui la cucina asiatica (continente da cui proviene questa pianta) fa largo uso anche nella zuppe e nei secondi di carne e pesce. Alle nostre latitudini, è molto più facile trovarlo nella preparazione di torte e biscotti. Lo si usa anche nel ginger ale, che si prepara appunto a partire dalla radice di zenzero; e sempre parlando di bevande, ma più salutari, è uno degli ingredienti più comune nella realizzazione di tisane e infusi.

Detto della diffusione e della poliedricità dello zenzero, è il momento di illustrarne i meriti dal punto di vista nutritivo, che sono molteplici. Innanzitutto, grazie al gingerolo e alle sue caratteristiche termogeniche, può aiutarci a dimagrire: innalzando la temperatura corporea, scuote infatti l’organismo e favorisce il processo di scioglimento dei grassi. Sempre per merito del gingerolo, aiuta la digestione: l’assunzione di zenzero porta a un aumento della secrezione di saliva, bile e succhi gastrici e ha un effetto positivo sulla peristalsi intestinale.

E siamo solo all’inizio. Ha proprietà antinfiammatorie ed è un antidolorifico naturale, quindi particolarmente indicato in caso di dolori mestruali, mal di gola e mal di testa. Permette di prevenire influenza e raffreddori ma è utile anche per contrastare nausea e vomito: non a caso, masticarne un po’ quando si va in macchina aiuta a superare il mal d’auto. Il motivo per cui è così impiegato in tisane e infusi, oltre che nel sapore speziato, va ricercato nell’effetto detox che ha sull’organismo, legato naturalmente alle sue proprietà digestive e all’azione che esercita sul metabolismo. Questa pianta, infine, combatte l’alitosi, e non fa bene solamente se ingerita: un pezzo di zenzero mescolato con l’olia d’oliva dona lucentezza ai capelli e se applicato sul corpo prima di un massaggio distende i muscoli.

Ce n’è abbastanza, insomma, per utilizzarlo tutto l’anno, e non solo nel periodo natalizio: potrebbe essere l’occasione giusta per consumarlo a merenda o per sperimentare alcune ricette particolari come il riso nero con pollo zenzero e mandorle a scaglie o addirittura mettersi alla prova con la cucina dell’Estremo Oriente. Per i meno audaci ai fornelli possiamo aggiungerlo a un frullato spezza fame preparato con pesca, cetriolo, sedano, semi di lino e chia oppure c’è sempre la buona e classica tisana: la cosa certa è che con un poco di zenzero il vostro corpo starà molto meglio.

 

 

 

Articolo scritto

da Carmen Zedda Nutrizionista e divulgatrice scientifica

www.dietanutrizionista.it link al sito dietanutrizionista https://www.dietanutrizionista.it/