LA DIETA VEGANA. QUALI ALIMENTI SCEGLIERE

Chi sceglie di seguire una dieta vegana esclude dalla propria alimentazione tutti i prodotti di origine animale. Oltre che una scelta nutrizionale si tratta di una scelta etica.

Vi è un forte rispetto verso le forme viventi animali, motivo per cui il vegano si alimenta esclusivamente di prodotti di origine vegetale, frutta, verdura, legumi e cereali.

Sono molti, infatti, i cibi che si possono inserire in questo tipo di dieta, cercando di variare frutta e verdura di stagione, ma anche optando per frutta secca, cereali integrali o pseudo tali (come la quinoa e il grano saraceno), legumi (come fagioli, lenticchie e ceci), alghe, semi oleosi (anacardi, mandorle, semi di canapa e simili). E ancora il latte di soia, il latte di riso e il latte di mandorle possono essere delle buone varianti al latte intero o parzialmente scremato. In particolare, i semi oleosi rappresentano piccole miniere nutritive ricche di sali minerali. Alcuni possono essere aggiunti come condimento a piatti principali come insalate e zuppe. Il sesamo, ad esempio, è ricco di calcio, il lino di omega 3, mandorle e nocciole di vitamina E, le noci di acidi grassi polinsaturi antinvecchiamento e anticolesterolo. In generale sono rivitalizzanti, ricostituenti del sistema nervoso e dell’attività cerebrale.

Uno degli aspetti negativi della dieta vegana è rappresentato dall´introduzione di quantità eccessive di fibra alimentare e chelanti, che causano il malassorbimento di preziosi principi nutritivi introdotti. Se da un lato questo tipo di alimentazione riduce drasticamente rischi cardiovascolari e tutte le problematiche connesse ad una dieta ricca di grassi saturi animali, dall´altro lato può comportare gravi carenze nutrizionali. È comunque fondamentale prediligere alimenti freschi, stagionali, integrali, possibilmente il meno lavorati e confezionati tra quelli che si trovano in commercio. Una dieta, di qualsiasi tipo essa sia, va pianificata e deve variare nel tempo con le giuste integrazioni.

L’apporto di vitamina B12, di vitamina D, omega 3 e minerali come calcio, zinco e ferro risulta insufficiente e necessita dell’integrazione o del compenso farmacologico; pertanto, la dieta vegana deve essere una scelta consapevole e guidata da un professionista.

Dott.ssa Mariagrazia Nicolí

BIBLIOGRAFIA

-Vegetalismo, Enciclopedia Treccani

-Nutsforlife edizioni, Buccella Francesca