Benefici e proprietà nutritive del mango

E allora mango!

I benefici e le proprietà nutritive di questo frutto esotico sono molteplici.

Originario dell’India, diffuso in special modo nei Paesi tropicali ma ormai presente ovunque, il mango si può trovare in ogni supermercato e in tutte le stagioni.

Questo frutto dal gusto inconfondibile, dolce ma con una nota acidula, è un vero e proprio concentrato di proprietà nutritive che hanno effetti benefici indiscutibili sull’organismo.

Vediamo perché vale assolutamente la pena di includerlo nella nostra alimentazione.

Il mango ha un apporto calorico medio, all’incirca 55 calorie per 100 grammi, e può dunque essere inserito anche in diete ipocaloriche, a patto che il soggetto non sia diabetico.

Molto nutriente e ricco di zuccheri, favorisce l’idratazione, risultando quindi particolarmente adatto per sportivi e anziani, grazie anche ai preziosi sali minerali che apporta all’organismo: in primis il potassio ma anche magnesio, manganese e rame.

Contiene inoltre betacarotene, vitamina B6, vitamina C  (100 grammi di mango forniscono il 60% del fabbisogno giornaliero) vitamina E e folati. Da segnalare poi la presenza di polifenoli quali la quercitina, l’acido gallico, il lupeolo e soprattutto la mangiferina, che si trova soprattutto in questo frutto.

Grazie al mix suddetto, il mango risulta avere numerose proprietà. Aiuta la digestione e combatte la stitichezza, grazie al contenuto in fibre, migliora la vista (merito appunto della vitamina A) e il suo effetto diuretico riduce la ritenzione idrica e contrasta la comparsa della cellulite. Il mango contribuisce poi ad abbassare la pressione, a combattere la stanchezza, a proteggere il sistema immunitario e a rallentare il processo di invecchiamento delle cellule.

Insomma, non ci sono vere e proprie controindicazioni all’assunzione di mango, mentre i benefici garantiti da questo frutto sono evidenti. Inserirlo all’interno della nostra alimentazione è facile: si possono realizzare centrifugati, smoothies, si può utilizzarlo per chutney o salse da abbinare a piatti di pesce, per arricchire un’insalata e ovviamente al naturale, magari per lo spuntino di metà mattino e metà pomeriggio insieme a un mix di frutta secca a base di mandorle grattugiate e nocciole.

Articolo scritto da Carmen Zedda Nutrizionista e divulgatrice scientifica
www.dietanutrizionista.it
link al sito https://www.dietanutrizionista.it/