COME COMBATTERE IL GONFIORE ADDOMINALE: GLI ALIMENTI GIUSTI

La pancia gonfia è un disturbo frequente. Individuare la causa di questo disagio a volte può sembrare difficile e poco chiaro. La pancia gonfia non è legata al’obesità o al sovrappeso bensì al cambio di temperature (l’arrivo dell’estate ad esempio) e a determinati alimenti che creano aria nello stomaco poiché vengono mal digeriti e poco assorbiti. Tutto ciò va ad alterare così la flora batterica intestinale con la conseguente proliferazione di batteri nocivi che causano gonfiore e pesantezza.

La pancia gonfia può dipendere anche da cause organiche come patologie del tratto gastrointestinale. Ma, in assenza di patologie, a scatenare il gonfiore è prima di tutto la cattiva alimentazione, cioè cosa mangiamo, ma anche come lo mangiamo.

Ci sono infatti alcune cattive abitudini che ostacolano il processo digestivo come ad esempio mangiare velocemente, non masticare bene o sdraiarsi subito dopo i pasti.

Una dieta sbagliata insieme ad abitudini scorrette rappresentano i maggiori responsabili della tanto odiata pancia gonfia. Conoscere gli alimenti da preferire e da evitare, imparare ad associarli e a cucinarli in modo semplice per non appesantire la digestione può fare la differenza tra sentire stomaco e intestino gonfi o avere la “pancia piatta”, con ripercussioni sicuramente favorevoli su benessere, buon umore e qualità di vita generale.

Bisogna dunque saper scegliere i giusti alimenti ed evitarne altri. Tra i vegetali sarebbe meglio limitare legumi e verdure poiché possono formare gas intestinali. Non bisogna escluderli del tutto in quanto sono molto importanti per la dieta, ma cercare di consumarli ad esempio sotto forma di passato e in quantità adeguate in modo da essere più tollerabili e digeribili. Tra i cibi concessi invece, ci sono i finocchi contenenti delle sostanze che aiutano i processi fermentativi nell’intestino, evitando il gonfiore e le mele che possono aiutare a normalizzare il transito intestinale e a ottimizzare l’attività della flora batterica intestinale, contrastando la sensazione di pancia gonfia.

In generale, la frutta andrebbe mangiata all’inizio del pranzo o della cena o come sano spuntino e dovrebbe essere sempre consumata fresca.

Per quanto riguarda i cereali integrali invece, chi soffre di tale disturbo dovrebbe monitorare la loro assunzione (circa 20-30 grammi totali al giorno) ed aumentarne il consumo gradualmente perché, almeno in una prima fase, potrebbero essere mal tollerati e appesantire il sistema gastro-intestinale.

Qualora la sola alimentazione non basta a far passare il gonfiore, si può ricorrere a farmaci o integratori specifici dietro consiglio medico.

Dott.ssa Mariagrazia Nicolí